SUV, ecco perché sono i più venduti

SUV, ecco perché sono i più venduti

Le berline per molti anni hanno mantenuto la loro leadership indiscussa sul mercato, essendo un mezzo accessibile a tutti e perché in quel momento non aveva altri validi contendenti.

Qualcosa però è cambiato e oggi le berline non guidano più la speciale classifica delle vendite. Cosa ha fatto perdere il dominio alla berlina? L’arrivo di un altro genere di prodotto che in poco tempo ha conquistato tutti, il SUV.

SUV: I dati sulle vendite in Italia

I dati che giungono dalle ricerche effettuate sulle vendite delle auto, ci dicono indubbiamente che il SUV sta conquistando fette di mercato sempre più ampie.

Ad oggi, non si prevede un calo nella crescita dell’interesse dei guidatori verso questa tipologia di vettura anche nel prossimo futuro. Andiamo a vedere nel dettaglio i numeri effettivi sulle vendite dei SUV in Italia.

Facciamo un piccolo passo indietro, in modo da capire quanto la crescita del SUV sia esponenziale.

L’anno scorso, ovvero il 2018, osservando i dati di immatricolazione delle auto si nota subito che almeno una ogni tre era un SUV, un crossover o un fuoristrada.

La percentuale esatta rispetto al totale dei modelli in vendita è stata del 38,5 percento. Questo dato mostra quindi un calo deciso nelle vendite della berlina e della monovolume.

Quest’anno che è passato per poco più di metà, ci mostra dati che presagiscono una percentuale ancora più alta alla fine del 2019, che potrebbe andare ad avvicinarsi al 45 percento rispetto al totale delle immatricolazioni.

Dal momento in cui il modello SUV ha fatto la sua comparsa sul mercato, molti tipi di berlina che si consideravano classici storici e intramontabili, sono ad oggi in crisi identitaria.

Una corsa inarrestabile, che ha portato in molti a dichiarare il coma irreversibile per la berlina e per gli altri segmenti. Sempre che non ci siano altre sorprese per il futuro, con il bisogno di efficienza e bassi consumi ormai sempre più pressante sia per motivi economici, sia per questioni squisitamente ambientali.

Le berline per molti anni hanno mantenuto la loro leadership indiscussa sul mercato, essendo un mezzo accessibile a tutti e perché in quel momento non aveva altri validi contendenti.

Qualcosa però è cambiato e oggi le berline non guidano più la speciale classifica delle vendite. Cosa ha fatto perdere il dominio alla berlina? L’arrivo di un altro genere di prodotto che in poco tempo ha conquistato tutti, il SUV.

SUV: I dati sulle vendite in Italia

I dati che giungono dalle ricerche effettuate sulle vendite delle auto, ci dicono indubbiamente che il SUV sta conquistando fette di mercato sempre più ampie.

Ad oggi, non si prevede un calo nella crescita dell’interesse dei guidatori verso questa tipologia di vettura anche nel prossimo futuro. Andiamo a vedere nel dettaglio i numeri effettivi sulle vendite dei SUV in Italia.

Facciamo un piccolo passo indietro, in modo da capire quanto la crescita del SUV sia esponenziale.

L’anno scorso, ovvero il 2018, osservando i dati di immatricolazione delle auto si nota subito che almeno una ogni tre era un SUV, un crossover o un fuoristrada.

La percentuale esatta rispetto al totale dei modelli in vendita è stata del 38,5 percento. Questo dato mostra quindi un calo deciso nelle vendite della berlina e della monovolume.

Quest’anno che è passato per poco più di metà, ci mostra dati che presagiscono una percentuale ancora più alta alla fine del 2019, che potrebbe andare ad avvicinarsi al 45 percento rispetto al totale delle immatricolazioni.

Dal momento in cui il modello SUV ha fatto la sua comparsa sul mercato, molti tipi di berlina che si consideravano classici storici e intramontabili, sono ad oggi in crisi identitaria.

Una corsa inarrestabile, che ha portato in molti a dichiarare il coma irreversibile per la berlina e per gli altri segmenti. Sempre che non ci siano altre sorprese per il futuro, con il bisogno di efficienza e bassi consumi ormai sempre più pressante sia per motivi economici, sia per questioni squisitamente ambientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *